Chiarimento - libretto di circolazione e patente - per il 3 novembre..


Negli ultimi giorni la notizia del libretto di circolazione che deve riportare lo stesso nominativo della patente che entrerà in vigore il 3 novembre ha avuto un largo seguito e lanciato allarmismi spesso inesistenti (a causa di una circolare poco chiara), con diverse richieste di maggiori informazioni in redazione. In questo articolo faremo quindi chiarezza sulla normativa del Ministero dei Trasporti, vecchia di qualche anno, ma che sarà attuata dal prossimo 3 novembre, come comunicato dalla circolare del 10 luglio 2014.

NESSUN OBBLIGO PER GLI ATTI PRECEDENTI AL 3 NOVEMBRE – L’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione scatta per coloro che usufruiscono di un veicolo non proprio per più di 30 giorni, ma soltanto per quegli atti posteriori al 3 novembre 2014, mentre per quelli precedenti non c’è nessun obbligo e l’aggiornamento resta facoltativo. Nessun obbligo per quei veicoli in comodato d’uso all’interno di un nucleo familiare. Nessun obbligo o sanzione, quindi, per i figli che usano la macchina dei genitori o simili, a patto che si tratti di persone residenti sotto lo stesso tetto. Inoltre anche i soggetti che effettuano attività di autotrasporto con licenza e i rimorchi di massa superiore alle 3,5 tonnellate non hanno quest’obbligo (quindi nessun obbligo per coloro che sono iscritti all’Albo autotrasportatori, di chi ha licenza conto proprio o di chi guida autobus, taxi o noleggio con conducente).

A CHI SI RIVOLGE LA NUOVA NORMATIVA – La normativa si applica soprattutto a chi opera nel settore dei trasporti, alle auto in affitto, alle auto aziendali o in comodato. E non sono esclusi i privati, ad esempio nel caso di un veicolo intestato ad una persona che muore ed i cui parenti guidano l’automezzo intestato al de cuius per più di un mese. Le multe oscilleranno tra 705 e 3.526 euro ed il ritiro del libretto. Le nuove procedure fanno riferimento alle ipotesi in cui:

Vi sia una variazione della denominazione dell’ente;

Vi sia una variazione delle generalità della persona fisica intestataria;

Un soggetto abbia la temporanea disponibilità per un periodo superiore a 30 giorni, di un veicolo intestato ad un terzo, a titolo di comodato, in forza di un provvedimento di affidamento in custodia giudiziale o di un contratto di locazione senza conducente; che:

Si debba procedere alla intestazione a norme di soggetti giuridicamente incapaci.

COME AGGIORNARE IL LIBRETTO – La nuova misura è volta ad evitare intestazioni fittizie di veicoli e individuare meglio i responsabili di incidenti e infrazioni. Per aggiornare il libretto di circolazione bisognerà recarsi alla Motorizzazione agli sportelli del Dipartimento dei Trasporti. Nel caso di comodato di veicoli aziendali il nome dell’utilizzatore non va annotato sulla carta di circolazione, ma solo registrato alla Motorizzazione e la ricevuta dell’adempimento non va tenuta a bordo del veicolo.

Intervento record a Perugia: installato un pacemaker al cuore in paziente di 100 anni


Perugia 2014: installato pacemaker in donna di 100 anni per correggere aritmia. «Operazione riuscita e condizioni generali di salute buone. Le abbiamo migliorato la qualità della vita». La paziente è stata dimessa.

A cento anni si può anche aver bisogno di un “aiutino” per vivere meglio. Nonna Maria, perugina doc del centro storico, classe 1914,  è entrata in sala operatoria per installare un pacemaker.

I particolari.. L’intervento, in anestesia locale, è stato eseguito da Gianluca Zingarini, esperto elettro fisiologo della struttura complessa di Cardiologia dell’azienda ospedaliera di Perugia, che si è avvalso della collaborazione di qualificato personale infermieristico (Paola Anticaglia, Mirko Dottori, Valeria Rondini) , ed è perfettamente riuscito. Le dimissioni della donna centenaria sono previste il giorno successivo. «Non è infrequente nella nostra struttura impiantare un pacemaker in persone anziane – commenta il Zingarini-. Personalmente ero fermo ad un uomo di 93 anni, ma con la signora Maria si è superato ogni record di età. Quando il caso nelle scorse settimane ci è stato sottoposto da Giovanni Ciuffetti della struttura complessa di Medicina interna, abbiamo accertato che esistevano i presupposti per intervenire, ed eliminare quei malori ricorrenti che determinavano svenimenti che avrebbero potuto determinare cadute e conseguenti fratture di femore ed arti».

L’esito.. In pratica alla donna era stato diagnosticato una patologia degenerativa, che è riferibile al nodo del seno, una sorta di pacemaker naturale che ha avuto bisogno dell’aiuto della tecnologia per restituire la piena funzionalità del cuore. In Umbria secondo una statistica di un paio di anni fa, i centenari erano poco più di 250 con una triplicazione rispetto ai primi anni del 2000. Le donne sopravanzano gli uomini in maniera consistente. «Le condizioni generali della signora Maria sono buone – ha concluso il Zingarini -, certo è che con il pacemaker le abbiamo migliorato la qualità della vita».

Aggiornamento.. É stata dimessa, come previsto dai medici, il giorno successivo all'intervento. «E’ in buone condizioni fisiche, ed ha voluto ringraziare, al momento di lasciare la struttura di Cardiologia, medici e personale infermieristico», riferisce una nota stampa dell’azienda ospedaliera. La paziente é stata accompagnata da un familiare nella propria abitazione. Dovrà presentarsi tra una settimana per un controllo di routine e rimuovere le suture cutanee. «Ogni anno installiamo quasi 500 pacemaker, a pazienti di tutte le fasce di età e con patologie diverse – dice il Gianluca Zingarini, che ha eseguito l’intervento a nonna Maria, esperto che ha presentato nel tempo lavori scientifici a convegni internazionali e che sono stati pubblicati su riviste internazionali». In pazienti selezionati il pacemaker viene controllato a distanza, con un monitoraggio effettuato dagli specialisti della Cardiologia perugina che ieri hanno eseguito l’intervento sulla paziente più anziana. In caso di guasto o di cattivo funzionamento dell’apparecchio, ha specificato Zingarini, entra in azione un allarme, che raggiunge la postazione, attiva 24 ore su 24. Nel caso di nonna Maria non c’é stato bisogno della dotazione di una sorta di modem, visto che la patologia riscontrata è stata rimossa proprio con l’applicazione del pacemaker.

Michelle Hunziker si confessa al settimanale "Chi": - "Sono l'unica...


28 ottobre 2014 - Michelle Hunziker si confessa al settimanale "Chi": - "Sono l'unica Svizzera che paga le tasse in Italia ma è giusto che paghi le tasse qui anche se non giudico le scelte di altri. Capisco anche chi è stufo di pagare senza vedere servizi all'altezza. Io resto perché è giusto sostenere il proprio Paese nei momenti difficili. Sono grata all'Italia perché mi è stato dato tutto quello che ho".

"Mia figlia Aurora vuole andare a studiare all'estero e invece penso che dovremmo fare in modo che i nostri figli siano incentivati a restare in Italia o, almeno, a tornarci".

La Hunziker è anche impegnata da anni nella battaglia contro la violenza sulle donne grazie alla sua associazione "Doppia Difesa" che si è fatta promotrice della proposta di assegnare uno stipendio alle casalinghe. "Ma - dice la Hunziker - non sono argomenti che interessano. Anche per la violenza sulle donne è bello andare in tv ma alla fine, a parte la legge sullo stalking, che non è di questo governo, si fa poco. Ci sono più donne nei ministeri, ma hanno tolto proprio quello delle Pari Opportunità e ciò è grave".

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 TORO


Amore: poveri voi del segno del toro ancora a combattere con il pianeta Saturno e la sua opposizione dal segno dello scorpione. Siete ancora in coppia ? Il vostro rapporto ha retto se siete della prima decade ? Bene allora avete passato uno dei transiti peggiori per l'amore e potete ora guardare fiduciosi al futuro ma se vi siete separati dal vostro partner forse avete fatto la cosa migliore. Saturno chiede il taglio dei "rami secchi" di quello che non vi serve, non vi aiuta più a crescere. Ora in inverno tocca a quelli della seconda e terza decade. I single non sperino di fare conquiste, anzi vivranno un periodo di solitudine e tristezza in amore. Amori nati con Saturno in opposizione avranno vita breve e complessa. Giove che dal leone poi vi quadra crea ancora più problemi.

Lavoro: anche il lavoro subisce l'influenza non positiva di Saturno che vi chiede di abbandonare vecchie strade, di lasciare quello che non vi soddisfa. Attenzione a non stipualre e a non prendere accordi ancora per tutto l'inverno se siete della seconda o terza decade e se siete costretti, leggete per lo meno per intero il contratto prima di firmare. Facile sotto questo aspetto tralasciare dettagli che poi possono rivelarsi importanti. La parola d'ordine in questi mesi è risparmiare e non sperperare perchè Giove che vi quadra dal leone vi invoglierà a farlo, ad esagerare. Evitate davvero qualsiasi tipo di investimento sia esso economico, finanziario, immobiliare.

Fortuna: tra i segni meno fortunati anche in questo autunno ed inverno ci siete voi insieme all'acquario. Che la fortuna si dimenticherà di voi in questo periodo è chiaro ma sappiate attendere e potrete dire che la ruota prima o poi gira.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ARIETE - ACQUARIO - SAGITTARIO

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 ARIETE


Amore: se non lo siete già, allora aspettatevi un bell'incontro che vi farà battere forte il cuore. Se siete single infatti potreste incontrare qualcuno che attrarrà la vostra attenzione. Già da luglio qualcuno di voi si sarà già accoppiato. Splendidi questi mesi invernali in amore e negli affetti con possibilità di iniziare una convivenza o decidere per un matrimonio.

Lavoro: finalmente da Luglio Giove vi sta donando quello che meritate, i successi per cui avete tanto duramente lottato in questi due ultimi anni stanno arrivando. Il lavoro procede bene sia per chi ha deciso di cambiare, avendo avuto nuove proposte interessanti di lavoro, sia per chi ha deciso di tenersi quello che aveva. Questo Giove in trigono dal segno amico del leone parla di cambiamenti di rotta, di eventi positivi nella professione, accordi importanti con gente che conta. Bene il denaro con possibili extra introiti.

Fortuna: certamente voi sarete più volte baciati dalla madame Fortuna in questi mesi perchè Giove amico dal leone colpirà positivamente i nati soprattutto della prima e seconda decade. Ottimi affari si possono concludere anche in maniera fortunosa senza che voi facciate nulla. Consigliato anche giocare qualche spicciolo perchè è anche probabile una vincita. Osate perchè il fato è dalla vostra in questi mesi e vi porterà molte cose buone.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 GEMELLI


Amore: con l'ingresso di Giove nel segno amico del leone voi gemelli potete sperare in nuovi incontri se vi siete lasciati nei mesi passati oppure in un nuovo modo di vivere la vostra vita di coppia. Potrete ritornare a sorridere se avete un partner al vostro fianco e ritornare ad essere complici di un amore che vi rallegrerà e riscalderà questo inverno e le sue giornate fredde. Se siete cuori solitari aspettatevi diversi incontri e aspettatevi di conoscere, incontrare nuove persone che vi faranno battere il cuore e quindi non rinunciate ad uscire con gli amici di sempre o amici nuovi.

Lavoro: anche per voi Giove potrà aiutarvi a trovare la vostra strada lavorativa se non ne avete intrapresa ancora una. Datevi da fare, fate colloqui, spedite curriculum perchè potete veramente sperare di essere scelti per un nuovo lavoro. Non statevene con le mani in mano ma impegnatevi. Di conseguenza anche il denaro potrà giungere cospicuo nelle vostre tasche se lavorerete. Non abbiate paura del cambiamento ed osate nuove strade nella professione.

Fortuna: le opportunità vi giungeranno quando meno ve lo aspettate e questo nel lavoro così come nell'amore. Certamente voi dovete mettere del vostro ma potete essere certi che le cose giungeranno anche grazie al destino che deciderà di aiutarvi. Rendete grazie al fato quando cose positive vi giungeranno. Giocate tentando la fortuna al gioco ma puntate veramente il minimo e non spesso.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 CANCRO


Amore: ahimè Giove vi ha abbandonato ma non si può dire che non vi abbia portato qualcosa di buono dal 2013 fino ad ora. Da luglio non è più vostro amico e quindi se avete fatto l'incontro della vostra vita allora la relazione proseguirà bene anche se richiederà impegno e dedizione con Saturno ancora in scorpione. I single che non sono riusciti a trovare l'anima gemella allora devono attendersi un inverno piuttosto in solitudine. Se siete in coppia però sforzatevi di capire il vostro partner e non cercate sempre di avere ragione.

Lavoro: anche nel settore lavorativo, professionale ed economico Giove vi avrà portato nuove opportunità, incassi extra e se ne avete saputo approfittare ora potete vivere di rendita (si fa per dire), potete cioè continuare a fare quello che fate sicuri che le cose continueranno nel migliore dei modi. Visto che Giove non è più amico però attenzione a non spendere troppo per cose futili, inutili, che non vi servono più di tanto.

Fortuna: avreste dovuto investire, se ne avete avuto l'opportunità, nei mesi passati. Ora sarà meglio non farlo perchè Saturno dal segno dello scorpione non trigona più Giove di transito che si è spostato in leone. Quindi occhio a non fare il passo più lungo della gamba. Ora dovete impegnarvi voi perchè il fato una mano ve l'ha certamente data.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 LEONE


Amore: su tutti i siti di oroscopi leggerete o avrete letto (già da luglio) che questo è il vostro anno. Questo si spiega con il passaggio di Giove dal cancro al vostro segno proprio dal luglio del 2014. Ma attenzione perchè non è tutto oro quello che luccica. La quadratura di Saturno dallo scorpione avrà fatto cadere, rompere coppie e quelle che invece hanno resistito potranno sperare proprio nell'aiuto del pianeta della fortuna per cercare di mantenere in vita un rapporto non facile. Ma Giove indica nuove strade, nuove occasioni e ad un amore andato via potrà succederne un altro ancora più bello. Uscite, divertitevi, andate a ballare perchè le occasioni di nuovi incontri capiteranno soprattutto se siete single e vi dimostrate ottimisti. Convivenze o matrimoni possibili come anche la nascita di un figlio.

Lavoro: avete perso il lavoro ? Volete iniziarne uno nuovo ? Cercate una prima occupazione o siete da tempo senza una ? Questo è il vostro anno e dovete darvi da fare per ottenere quello che cercate. Non state con le mani in mano, spedite curriculum, parlate con la gente, andate per aziende perchè Giove vuole aiutarvi, sostenervi e soprattutto non abbiate paura del cambiamento, della necessità di partire per nuove strade perchè questo vi offrirà il pianeta della fortuna e dell'abbondanza. Lasciate la strada vecchia per una nuova e vedrete che i risultati giungeranno come anche il denaro. Ottenimenti di diplomi, di attestati, vincite di concorsi sono possibili (Saturno permettendo). Esami ed interrogazioni scolastiche vanno bene.

Fortuna: oramai da luglio sembra che le cose arrivino quasi per caso senza ch voi facciate nulla. Nei mesi autunnali ed invernali beneficeranno della fortuna di Giove soprattutto i nati della prima decade e parte della seconda e quindi per loro grandi traguardi, grandi gioie e chissà anche qualche piccolo investimento fortunato, qualche piccola vincita ad una lotteria ma mi raccomando a giocare poco, il minimo sempre. Certo quel Saturno dallo scorpione ancora vi frena e non permette che arrivi moltissimo ma sempre meglio di niente e sicuramente inizierete a sentirvi più a vostro agio e più felici rispetto ad un anno fa.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 VERGINE


Amore: in attesa che arrivi la metà del 2015 quando Giove entrerà nel vostro segno, ora cercate di vivere l'amore che avete e che forse vi ha portato Giove nell'anno passato quando passava in cancro. I favori di Giove anche negli affetti sono terminati ma chi è in coppia trova ancora il sostegno del sestile di Saturno dallo scorpione che da conferme, certezze che il vostro partner vi ama e voi amate lui. Non rinunciate, se siete single ad uscire ed a farvi nuovi amici perchè anche se Giove non vi favorisce più, Saturno dice che un amore nato in questo periodo può durare davvero molto e non essere effimero, superficiale, banale. Per questo richiederà impegno e sacrificio da parte vostra, oltre che molta responsabilità soprattutto se siete oltre i 30 anni.

Lavoro: anche nel campo del lavoro vi potrebbero essere state, per molti di voi, delle conferme, degli apprezzamenti da parte di colleghi e datori di lavoro che possono avervi portato a delle promozioni o aumenti in busta paga. Questi i favori fatti da Giove in cancro che da luglio 2014 però è in leone. Ma è Saturno che ancora è in sestile al vostro segno che vi sostiene e vi dona quella stabilità lavorativa e certezza economica. Qualcuno potrebbe aver fatto ottimi investimenti economici o immobiliari e chi è senza lavoro potrebbe aver avuto buone occasioni di trovarne uno che lo soddisfa. La situazione prosegue così anche per l'inverno 2014 - 2015 con però la necessità di impegnarvi a mantenere quello che avete ottenuto.

Fortuna: tutto quello che vi giungerà in questi mesi autunnali ed invernali del 2014 e 2015 sarà dovuto al vostro impegno e non di certo al fato, al destino che però vi ha favorito almeno fino a luglio 2014. Quindi non sperate per adesso che la ruota della fortuna giri ancora per voi ma rimboccatevi le maniche, dite grazie a quello che avete ricevuto, beneditelo ed andate avanti certi che la ruota gira ed altri eventi favorevoli, fortunati, positivi arriveranno presto a voi.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 BILANCIA


Amore: meglio questi mesi invernali per voi visto che ha avuto inizio da Luglio il sestile di Giove che porta miglioramenti in ambito sentimentale. Probabili nuovi incontri, nuovi flirt per chi è solo e magari sarete fortemente corteggiati da un ariete, leone o sagittario. Chi è in coppia ed ha avuto problemi in passato potrebbe benissimo recuperare il tempo perduto e ritrovarsi a vivere una vita a due migliore. Possibilità di scegliere per una convivenza o per un matrimonio.

Lavoro: certamente per voi l'inizio anno e l'estate non sono stati così positivi per il lavoro ed il denaro, magari con pochi introiti e molte spese da affrontare. Per fortuna Giove vi sostiene in questo autunno ed inverno e vi porta qualche opportunità lavorativa nuova per chi è alla ricerca di lavoro, di una occupazione. Chi lo desidera può anche lasciare un vecchio lavoro che non lo soddisfa più per provare una nuova strada. Incassi extra oppure finalmente denaro che vi era dovuto e che ritardava ad entrare nelle vostre tasche, ora si presenta dall'oggi al domani. Forte quindi la possibilità di recuperare vecchi crediti.

Fortuna: forse molte delle cose che positive giungeranno non richiederanno nemmeno il vostro impegno. La fortuna vuole darvi una mano soprattutto nel lavoro ed in amore. Benedite quello che di favorevole essa vi porterà perchè mesi così non si presentano spesso. Provate anche qualche piccola giocata a lotterie varie ma puntate il minimo mi raccomando.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 SCORPIONE


Amore: voi avete ancora Saturno nel vostro segno fino a Settembre del 2015 e per molti di voi della prima e seconda decade avrà già richiesto molto impegno, sacrificio per tenere in piedi la relazione affettiva e sentimentale. Siete ancora in coppia oppure vi siete lasciati ? Se non vi siete separati allora vuol dire che nonostante tutto la vostra coppia, il vostro amore è molto forte. Chi si è separato, con l'uscita di Giove dal cancro non potrà sperare in nuove conquiste in breve tempo e questo vale anche per i single del segno a caccia di prede.

Lavoro: quanti sforzi per rimanere a galla nel lavoro e per scalare la società, per raggiungere gradini più alti nella professione. Moti di voi avranno gettato la spugna ed altri invece avranno resistito ma non è stato certo un periodo tranquillo che purtroppo continuerà ancora soprattutto per i nati nella prima e seconda decade del segno. Esborsi notevoli di denaro per molti ed investimenti che forse non sono andati a buon fine. Cercate di tener duro e di non spendere e spandere i risparmi che avete, se li avete. Non un buon periodo per trovare un nuovo lavoro ma tenetevi stretto quello che avete ed impegnatevi al massimo per esso.

Fortuna: con l'uscita di Giove a luglio dal segno amico del cancro non potete sperare nella fortuna di certo ma solo nel vostro impegno e sacrificio per ottenere le cose che faranno fatica a giungervi. Il fato non vi assiste certo nelle transazioni economiche, negli investimenti finanziari ed immobiliari. Siate cauti ed attendete che la ruota giri con la fine del prossimo anno, il 2015.

ALTRI SEGNI
PESCI - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 SAGITTARIO


Amore: anche voi troverete in Giove un valido aiuto anche in questi mesi autunnali ed invernali. Nuove proposte interessanti di amicizie, nuovi flirt anche di poco conto possono nascere ma vi allieteranno le giornate. Non abbiate timore di innamorarvi perchè con il sestile di questo pianeta al vostro Sole può avvenire questo ma anche altro come l'inizio di una convivenza, un matrimonio, la nascita di un figlio. Chi è in coppia vedrà la sua relazione sotto un altro positivo aspetto mentre i single vadano a caccia e non stiano chiusi in casa.

Lavoro: a voi Saturno non vi crea problemi anche perchè entrerà l'anno prossimo nel vostro segno chiedendovi sacrifici. Per ora godetevi il trigono di Giove che vi porta davvero tantissima fortuna anche nel lavoro con possibili nuove strade da percorrere, nuovi stimoli, l'abbandono di vecchi lavori che non vi soddisfano più per l'inizio di altri più gratificanti. Non abbiate paura del nuovo quindi. Inviate curriculum, fate colloqui se siete alla ricerca di un lavoro perchè è il periodo buono che lo potete trovare. Cercate l'aiuto di amici e non rinunciate a richieste eventuali di lavori fuori dalla vostra città. Il denaro non dovrebbe mancare nelle vostre tasche anche se dovrà forse essere usato per investire nella nuova attività ma vi ritornerà presto tutto indietro se saprete seminare bene.

Fortuna: ottimo l'inverno se dobbiamo parlare di fortuna perchè con il trigono di Giove è sempre possibile che il fato si ricordi di voi che non avete passato dei mesi eccezionali ad inizio del 2014. La fortuna può infatti bussarvi in qualsiasi settore come l'amore, la professione e chissà che anche la salute migliori se avete problemi. Potreste anche tentare la fortuna al gioco ma puntate sempre cifre minime che non vi mandano sul lastrico.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 CAPRICORNO


Amore: finalmente via l'opposizione di Giove dal segno del cancro oramai da luglio e nuova vita per chi si sentiva di vivere una vita a due frustrata. Se siete riusciti a non lasciarvi allora potete sperare in un inverno con una netta ripresa della relazione affettiva e sentimentale, altrimenti via libera a nuovi incontri anche se quel Saturno dallo scorpione vi chiede serietà e vi dice di non fare i bambini. Siate più seri, soprattutto se avete passato la soglia dei 30 anni. Accettate inviti a cene, balli, da parte di amici perchè i single avranno una verve ed un fascino particolari.

Lavoro: certamente non si può dire che questo anno sia stato favorevole nel lavoro per voi. Magari qualcuno lo avrà perso, magari qualcuno si sarà sentito insoddisfatto di quello che ha oppure i liberi professionisti e le aziende avranno accumulato crediti non ancora incassati ma finalmente le cose cambiano in questi mesi autunnali ed invernali con possibilità di recupero crediti, con possibilità di ritrovare la giusta strada ed il giusto desiderio di tornare a fare bene e questo grazie anche al sestile di Saturno dal segno dello scorpione. Possibilità di nuovi contratti positivi per le vostre tasche ed il vostro prestigio.

Fortuna: e se non la meritate voi un pò di dose di fortuna chi sennò ? Non siete certo stati tra i segni più fortunati quest'anno ma ora tocca a voi anche se, Saturno dallo scorpione, vi dice che non tutto quello che di buono vi arriverà sarà merito del fato ma anche del vostro impegno. Ma l'importante che qualcosa di positivo vi giunga e vi porti quel sorriso che vi manca da tanto oramai.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 ACQUARIO


Amore: Saturno ancora si oppone al vostro segno e vi rende non adatti per portare avanti una situazione sentimentale, una vita a due. Chi ancora non ha chiuso con una storia potrebbe farlo proprio nei mesi invernali, in particolare se appartiene alla seconda o terza decade. Di certo Giove dal segno del leone non aiuta per nulla rendendovi esagerati nei modi di fare, nervosi e magari portandovi anche a tradire il vostro partner.

Lavoro: la situazione di blocco lavorativo e professionale continua ancora in questi mesi autunnali ed invernali con poche proposte o proposte part-time che non vi rallegrano di certo. Se pensiamo dopo che Giove vi è contro da Luglio 2014 allora capite che la situazione è veramente non ottima per il lavoro e di conseguenza per il denaro. Saturno vi chiede di risparmiare e di non sperperare il vostro denaro in cose inutili. Mi raccomando alla stipula di contratti, leggeteli con cura ma se potete evitate di stringere accordi in questi mesi.

Fortuna: il pianeta del la fortuna (Giove) oramai da Luglio si oppone al vostro segno e quindi in quale fortuna sperate ? Purtroppo siete tra i segni meno fortunati questo inverno e soprattutto le poche cose che vi giungeranno arriveranno per merito e fatica vostra e non certamente per il caso. Non giocate assolutamente e non esagerate nel fare le cose, non fate il passo più lungo della gamba perchè nulla vi sarà regalato, anzi quelcosa vi potrà essere tolto.

ALTRI SEGNI
PESCI - SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - SAGITTARIO - ARIETE

OROSCOPO INVERNO 2014 - 2015 PESCI


Amore: Saturno sarà in scorpione ancora per tutto l'autunno e l'inverno per poi passare a fine Dicembre in sagittario ma poi rientrerà presto nel segno dello scorpione. Le coppie che non hanno ancora saputo concretizzare una unione con una convivenza, con un matrimonio, con la nascita di un figlio potranno ancora farlo durante questo inverno. La vostra relazione però chiede serietà, impegno, dedizione e non date mai nulla per scontato. Amori nati in questi mesi possono durare veramente molti anni per non dire tutta una esistenza soprattutto se sono nati nell'anno passato con Giove in cancro. I single del segno non devono mollare ma devono darsi da fare per incontrare nuova gente. Siate fiduciosi perchè qualcuno è là che vi aspetta ma voi dovete uscire per incontrarlo. Accettate inviti a feste e non rimanete chiusi in casa.

Lavoro: Saturno in scorpione trigonerà il vostro segno per tutto l'autunno e l'inverno portando stabilità, concretezza nel lavoro e nella professione. Non dovreste quindi avere grossi problemi anche con Giove che è andato via dal cancro. Mettete a frutto quello che di buono appunto Giove vi ha portato e stabilizzatelo, cercando di trarre il massimo. Il denaro non dovrebbe mancare nelle vostre tasche e potete far fronte a spese varie senza particolari problemi di sorta. Possibilità di pregredire in ambito lavorativo, con nuove mansioni più importanti che possono esservi affidate ed il vostro stipendio crescerà.

Fortuna: Giove ha lasciato il segno del cancro già da luglio e quello che di buono vi ha portato vi avrà reso felici. Ora tocca a voi confermare questa fortuna facendo in modo che diventi parte della vostra vita. Gli aiuti li avete avuti ed ora tocca a voi perchè il fato è da qualche altra parte in questo momento, soprattutto ad aiutare i segni di fuoco.

ALTRI SEGNI
SCORPIONE - CANCRO - TORO - VERGINE - LEONE - GEMELLI - CAPRICORNO - BILANCIA - ACQUARIO - SAGITTARIO - ARIETE

ATTENZIONE: Dal 3 novembre patente e libretto dovranno portare lo stesso nome..


altrimenti si rischierà una multa fino a 750 euro. In arrivo verbali salatissimi per gli automobilisti indisciplinati. Dal 3 novembre la carta di circolazione e la patente dovranno coincidere: gli automobilisti che usano vetture non intestate a loro nome e che non aggiorneranno la carta di circolazione, potranno incappare in multa da 750 euro. La registrazione dovrà essere fatta alla Motorizzazione e sulla carta di circolazione dovrà essere annotato il nome di chi utilizza in modo costante l’auto di proprietà altrui per oltre 30 giorni. Sono esenti coloro che usano già un mezzo non di loro proprietà o possiedono un’intestazione non aggiornata prima della data dell’entrata in vigore delle nuove norme o coloro che usano auto di familiari conviventi (aventi la residenza nello stesso indirizzo). Le categorie che invece saranno maggiormente colpite sono coloro che utilizzano auto aziendali. L’obbligo è per ogni tipo di veicolo e sarà rivolto sia alle persone fisiche che alle persone giuridiche.

Attenzione:
Esentati coloro che usano già un mezzo non di loro proprietà o possiedono un’intestazione non aggiornata prima della data dell'entrata in vigore delle nuove norme.

È arrivato "Attila", vento freddo dall'artico. Temperature in..


picchiata.Un impetuoso vortice artico, è piombato sull'Italia già da mercoledì 22 ottobre, facendo scendere le temperature di almeno 10 gradi. Vento forte e freddo colpisce il Nord fino al Centro Italia per estendersi a tutta la penisola nella giornata di giovedì 23 ottobre. Il tempo peggiora al Nordest, soprattutto sul Friuli Venezia Giulia con piogge diffuse e forte maltempo sulla Venezia Giulia, piogge anche su parte della Lombardia e sul Veneto. Non si escludono dei temporali anche su queste due regioni. Il maltempo durerà fino a venerdì, poi sabato e domenica una tregua con le temperature che inizieranno a salire.

La vera storia di Halloween... Dalle origini ai giorni nostri.


Sapete che la vera storia di Halloween non è un prodotto made in USA, ma affonda le sue radici nella cultura celtica delle isole britanniche, soprattutto dell’Irlanda, e risale a molto tempo prima della conquista romana di quei territori. Per cui la vera storia di Halloween è made in Ireland!

Halloween parte dalla doppia divisione che i Celti facevano dell’anno, l’estate andava da Beltane (primo maggio o calendimaggio, festa celebrativa del risveglio della natura, fondata su antichissimi culti agrari e riti magici per propiziare la fecondità dei campi, degli animali e degli uomini) a Samhain fine dell’estate, e l’inverno da Samhain a Beltane.

L’anno nuovo, allora, cominciava con il 1° novembre, con l’arrivo dell’autunno, questo momento di passaggio e di festa era chiamato Samhain, festa caratterizzata dal colore arancio, che ricordava la mietitura, e dal nero che simboleggiava l’imminente buio dell’inverno.
La stagione della raccolta era finita, gli armenti venivano portati nei campi e alcune bestie venivano macellate. Le famiglie si riunivano per una stagione di lunghe notti di lavori in casa e di racconti.

Per i celti questo periodo era magico poichè essi credevano che quello era il momento dell’anno in cui il velo tra il mondo dei vivi e quello degli spiriti diventava ancora più sottile: i vivi potevano comunicare con i morti, ed i morti ritornavano sulla terra; il popolo celta credeva, inoltre, che esseri magici fossero ben visibili in questo periodo e spesso si pensava che tali creature fossero ostili agli uomini, poiché questi avevano occupato le loro terre. Durante questa notte vagavano nel mondo per attirare gli umani e farli perdere in mondi incantati, dove sarebbero rimasti intrappolati per sempre. Ma i vivi, per scoraggiarli, rendevano le loro case poco accoglienti, spegnendo i fuochi nei camini, e i loro corpi orribili mascherandosi da mostri.

I Romani conquistatori cercarono di cristianizzare l’Irlanda e le altre isole celtiche, una volta sconfitti gli antichi abitanti. Divenne però chiaro alla Chiesa, molto presto, che i Celti, nonostante la loro apparente sottomissione continuavano ad aderire testardamente ad alcuni elementi del loro vecchio credo. Così, nel settimo secolo la Chiesa spostò il giorno di Ognissanti, (in onore dei primi martiri) da maggio al primo novembre, in modo da unirla agli antichi rituali celti del 31 ottobre, e si impadronì anche di molti dei simboli residui associati al Samhain assegnando a questi nuovi significati.

Si consolidò così la tradizione di celebrare il giorno di Ognissanti durante i riti di inizio dell’autunno. In questa giornata si onoravano tutti i santi, non solo i primi martiri cristiani, e il giorno seguente venne dedicato al ricordo di tutti i morti: questo accostamento di festa e lutto rinforzò l’associazione con le celebrazioni celtiche di una stagione dell’anno infestata dagli spiriti.
Lo Spirito della festa, però, si trasformò con il passare del tempo: questi spiriti, considerati prima potenti divennero simbolo di male e diavoleria. La chiesa affermava, infatti, che gli dei e le dee e tutti gli altri esseri soprannaturali delle religioni antiche fossero di impronta diabolica, che le forze spirituali con cui le persone venivano in contatto erano vere, ma che costituivano delle manifestazioni del diavolo, che conduceva l’uomo l’adorazione di falsi idoli. A questo si deve la presenza, durante le celebrazioni per Halloween, di rappresentazioni di fantasmi, scheletri, simboli della morte, del diavolo e di altre creature maligne, come le streghe.

La vera storia di Halloween smentisce che tali credenze arrivino dall’America, infatti la festa di Halloween è arrivata negli USA molto più tardi, solo a metà ottocento, portata dagli emigranti irlandesi. È così che nasce la tradizione per cui il 31 ottobre ci si traveste, e si decorano le case con scheletri di carta e zucche dal ghigno satanico, e piccoli gruppi di bambini, accompagnati dai genitori, fanno visita a tutte le case del vicinato pronunciando la fatidica domanda: “Dolcetto o scherzetto?” (Trick or Treat?).

La vera storia di Halloween, inoltre fa capire che questa frase non abbia origine dai celti ma da una pratica europea che vuole che nel giorno di Ognissanti (All Hallows Eve in inglese da cui deriva Halloween), i primi Cristiani vagavano di villaggio in villaggio elemosinando un po’ di dolci in cambio di preghiere in suffragio dei parenti defunti la cui ricorrenza era il giorno dopo, il 2 Novembre.

Fra sabato 25 e domenica 26 ottobre torna l'ora solare. Sei più..


Gufo o Allodola?

Irritabilità e stanchezza, fatica nella concentrazione, flessione del tono dell'umore. Sono solo alcuni effetti possibili del ritorno all’ora solare che ci aspetta il prossimo week end. Nella notte fra sabato 25 e domenica 26 ottobre dovremo tutti spostare le lancette un'ora indietro. Quindi potremo dormire un'ora in più. Ma non è tutto oro quello che luccica. Si stima che ben 12 milioni di italiani possano soffrire disagi, in questa fase dell'anno, anche per il ritorno all’ora solare.

«L'effetto del cambio di orario sulle persone può essere molto diverso da persona a persona - afferma lo psichiatra Michele Cucchi, direttore scientifico del Centro Medico Sant’Agostino di Milano - soprattutto in funzione del loro essere costituzionalmente più “gufi” o “allodole”: i primi, più simili agli animali notturni, prediligono lavorare e essere attivi alla sera; mentre le allodole, per le quali “il mattino ha l'oro in bocca”, hanno una spiccata propensione a rendere maggiormente nelle prime ore della giornata».

E saranno proprio loro, le persone più mattiniere, «a risentire di più del cambio dell'ora legale», spiega lo psichiatra.

Questione d’età, ma anche di sesso. Un fattore importante che modula l'effetto dei ritmi biologici sulla performance è l'età. «Spesso i giovani hanno un profilo ad alta performance alla sera, mentre i meno giovani prediligono partire con il piede giusto alla mattina presto - aggiunge Cucchi -. I meno giovani sono inoltre più resistenti alla riduzione delle ore di sonno e riescono a rendere meglio anche quando dormono poco».
Ma la cronobiologia è anche una questione di genere: «le donne, a prescindere dall'età, tendono ad essere più mattutine, ossia “allodole”» sostiene lo psichiatra. Invece i serotini soffrono tipicamente dell'inerzia da risveglio, quello stato per cui carburare è davvero difficile alla mattina.

Gufi o allodole: le differenze sono sostanziali, anche sul lavoro Le caratteritiche del bioritmo - e dunque i relativi problemi di desincronizzazione - possono condizionare anche la resa lavorativa. In alcuni casi di più, in altri di meno. «Le attività cognitive principalmente influenzate dal profilo cronobiologico e dalla desincronizzazione dei ritmi - spiega Cucchi - sono quelle che coinvolgono l'attenzione selettiva, i compiti di decisione e distinzione fra stimoli a diversa rilevanza: come ad esempio lavorare con i numeri, studiare, analizzare documenti, verificare la congruenza di contratti».

Invece, risentono meno di questi fattori i compiti cognitivi basati su processi, seppur complessi, ma automatici come gesti ripetitivi, procedure computerizzate in sequenza, utilizzo di conoscenze, categorizzazione di stimoli e catalogazione di documenti. (Fonte: "IlSole24ORE")

Ecco la classifica dei peggiori tonni in scatola secondo Greenpeace..


Stilata da Greenpeace la classifica in merito alla qualità del tonno che finisce sulle nostre tavole, la classifica considera parametri basati sull’ecosostenibilità questo perchè alcune Case produttrici utilizzano la pesca con le reti e non con le canne a tutto discapito degli esemplari più giovani, impedendo il ripopolamento delle specie nonché il coinvolgimento nella cattura, di altre specie non adatte all’alimentazione umana come squali e tartarughe.

Ecco i migliori:
Al primo posto si conferma Asdomar perché mantiene i propri impegni mettendoli in pratica.

Al secondo posto Mareblu che promette di utilizzare solo tonno pescato in modo sostenibile nel 100% dei suoi prodotti entro il 2016.

Rio Mare rimane indietro con un impegno a metà.

Agli ultimi posti Nostromo, MareAperto STAR e Maruzzella per non aver adottato nessun criterio per garantire ai consumatori che il proprio tonno non arriva da una pesca distruttiva.

“Nonno come posso fare per diventare più buono?” (Bellissimo da leggere)


C’era una volta un bambino che faceva tante cose cattive; questo bambino faceva arrabbiare tutti e a tutti arrecava dei gran dolori con misfatti e insulti.
Un giorno però il bambino cominciò a capire il male che stava facendo e ne provò dolore anch’egli, così decise di diventare “buono”.

Andò dal nonno e gli disse: “Nonno come posso fare per diventare più buono?”; e il nonno, saggia persona, gli rispose: “Vedi quella staccionata laggiù? Ogni volta che fai un’azione cattiva andrai presso quella staccionata e con un martello ci metterai un chiodo”, il bambino all’inizio fu un po’ sorpreso da questo consiglio, poi però fece come gli disse il nonno. Nonostante le buone intenzioni del bambino, i chiodi nella staccionata furono molti! Ma cominciava a diminuire la frequenza con cui il bambino inchiodava, fino ad arrivare al giorno in cui il bambino non ne mise neppure uno! Allora il bambino andò dal nonno e disse: “Nonno finalmente non faccio più cattive azioni, ma ancora non mi sento buono!”, e il nonno disse “Bene, ora vai alla staccionata e con questo cacciavite comincia a togliere tutti i chiodi che hai messo”; il bambino fece come gli disse il nonno. Ci volle un po’ di tempo ma i chiodi furono tutti rimossi, il bambino tornò dal nonno e il nonno gli disse: “cosa noti?”, e il bambino “bè, ora al posto dei chiodi ci sono tanti buchi!” e il nonno “Ecco, quello è il male che hai causato, a volte non basta non fare cattive azioni per sentirci buoni, dovremmo cominciare a togliere i “chiodi” dalla nostra staccionata e vedere quanto profondi sono i “buchi lasciati”, a volte capita che il tempo otturi quei buchi, altre volte quei buchi sono talmente profondi che nemmeno il tempo riesce a chiudere, altre volte ancora lasciamo lì quei chiodi senza volerli rimuovere”.

La coscienza è come la staccionata in cui quel bambino poneva dei chiodi; a volte non vogliamo vederla ma è lì che aspetta che tu tolga quei chiodi e che ripari il male fatto; ma è molto più facile martellare un chiodo che toglierlo.

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà.. (Una grande verità, leggetela)


C’era una volta una coppia con un figlio di 12 anni e un asino.
Decisero di viaggiare, di lavorare e di conoscere il mondo.
Così partirono tutti e tre con il loro asino.

Arrivati nel primo paese, la gente commentava: “guardate quel ragazzo quanto è maleducato…lui sull’asino e i poveri genitori, già anziani, che lo tirano”. Allora la moglie disse a suo marito: “non permettiamo che la gente parli male di nostro figlio.”
Il marito lo fece scendere e salì sull’asino.

Arrivati al secondo paese, la gente mormorava: “guardate che svergognato quel tipo…lascia che il ragazzo e la povera moglie tirino l’asino, mentre lui vi sta comodamente in groppa”.
Allora, presero la decisione di far salire la moglie, mentre padre e figlio tenevano le redini per tirare l’asino.

Arrivati al terzo paese, la gente commentava: “pover’uomo! dopo aver lavorato tutto il giorno, lascia che la moglie salga sull’asino.
E povero figlio, chissà cosa gli spetta, con una madre del genere!

Allora si misero d’accordo e decisero di sedersi tutti e tre sull’asino per cominciare nuovamente il pellegrinaggio.
Arrivati al paese successivo, ascoltarono cosa diceva la gente del paese: sono delle bestie, più bestie dell’asino che li porta. Gli spaccheranno la schiena!

Alla fine, decisero di scendere tutti e camminare insieme all’asino ma, passando per il paese seguente, non potevano credere a ciò che le voci dicevano ridendo: “guarda quei tre idioti: camminano, anche se hanno un asino che potrebbe portarli!”

Conclusione: ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei.
Quindi: vivi come credi. fai cosa ti dice il cuore…ciò che vuoi… una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali.
Quindi: canta, ridi, balla, ama… e vivi intensamente ogni momento della tua vita… prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi.

E tu hai preso il treno dei tuoi sogni?!?.. Oppure..


l'hai perso?.. Si sente spesso dire - " ho perso il treno" - con riferimento ad un'importante occasione perduta.
In verità all'infuori di noi, non c'è nulla, persona o cosa, che di per se stessa possa modificarci la vita. Il cambiamento, la volontà di cambiare è dentro di noi, siamo noi che ci mettiamo in moto. Se abbiamo - " perso il treno" - vuol dire che non eravamo abbastanza pronti e decisi per salirci sopra. (M. Morry)

I 10 segreti del cuore..


Primo segreto: Attrazione
“Qual è il motivo per cui un certo tipo di uomo o di donna ti attrae come per magia e altri sebbene più indicati per instaurare un rapporto di coppia funzionante non ti attirano per niente? Come mai tutte le tue relazioni hanno uno svolgimento simile, nonostante i tuoi tentativi di cambiare le cose?” Solo capendo il tuo magnete potrai capire chi attrai e perché. Tutto ha un senso. “Non si tratta del tuo corpo. E’ molto più facile… si tratta della tua emanazione.”

Secondo segreto: Lo Specchio
“Tutto quel che attrai è come uno specchio che ti mostra ciò che si trova nel tuo magnete, affinché tu possa orientarti meglio”. Non sempre è facile intuire il principio dello specchio, “il motivo è che lo specchio non si limita a riflettere quello che sei precisamente, ma ti mostra molto di più.”

Terzo segreto: Chiarezza
“Chi sei? Dove vuoi andare? Quali sono i tuoi desideri? Cosa vorresti assolutamente sperimentare? Con che genere di persone desideri stare? Qual è per te il senso della vita, in questo momento o in generale?” “Non sono domande facili e anche se trovi le risposte, queste possono cambiare nel corso del tempo. Per fortuna non si tratta tanto di dare risposte complete o definitive, quanto di imparare a sentire in che direzione si vuole andare.”

Quarto segreto: la Propria Fonte
“Qualunque cosa tu cerchi negli altri si trova già dentro di te, allora di cosa sei fondamentalmente alla ricerca? Di sensazioni!” “Nessuno può darti l’amore perché ce l’hai già dentro di te. Questo lo sai. Guarda la foto di un bambino felice. Lo senti? Non ricevi niente e tuttavia lo senti, è lo stesso amore che provi quando hai vicino una persona a cui vuoi bene.”

Quinto segreto: il Potere dei Simboli
“Finché credi in un simbolo, questo continuerà a riapparire nella tua vita o nei tuoi rapporti, dal momento che risuona nel magnete di altre persone che se ne sentono inconsciamente attratte.” “Un oggetto o un’azione rappresenta qualcosa. Questa perlomeno è la tua esperienza e ritieni sia evidente per chiunque. Ma è davvero così?”

Sesto segreto: la Profezia Autorealizzante
“Le persone che ti stanno accanto si comportano raramente come vorresti, ma piuttosto come temi che accada?” Forse “le tue parole o le tue azioni non corrispondono ai tuoi pensieri o ai tuoi sentimenti. Gli altri saranno quindi diffidenti nei tuoi confronti e ti terranno a distanza.” Sono i tuoi veri pensieri e sentimenti ad agire con maggiore intensità.

Settimo segreto: Amore di sè
“Quando sei insicuro sulle decisioni da prendere e le azioni da compiere… Quando vuoi trasformare i pensieri e le sensazioni sgradevoli… Chiediti sempre: “Cosa farebbe l’amore?” “Se ti sacrifichi per qualcuno perché pensi che lo si possa anche fare quando si ama, chiediti se l’amore si comporterebbe così. L’amore vorrebbe che tu ti facessi questo? Vorrebbe che tu seguissi un’idea di amore in cui l’affetto è legato alla sofferenza?”

Ottavo segreto: lo Spazio Interiore
“Lo spazio interiore è quel luogo dentro di te destinato ad accogliere ciò che desideri. Ogni volta che ti permetti di sentirlo, attivi il tuo magnete facendogli attirare con maggiore intensità l’oggetto dei tuoi desideri”. “Molti non vogliono accostarsi a questo spazio perché temono di provare un senso di insoddisfazione e vuoto. Ma questa fonte fa parte di te.

Nono segreto: Decisione e Azione
Metti già in atto quello che vuoi realizzare! Comportati come se ti fosse già stato permesso e tu lo stessi già sperimentando. L’universo ama sentirti agire e risponde di conseguenza.

Decimo segreto: la Forza del Presente
Decidi nel presente: usa la forza dell’intuizione. Ogni volta che decide l’intelletto è il passato a decidere. Lo scopo della nostra vita non è produrre risultati, ma provare esperienze. (Dal libro: "Il Segreto del cuore" di Ruediger Schache.)

Buonanotte a te che oggi..


hai dovuto affrontare grandi prove. A te, perché hanno tentato di spegnerti la speranza. A te che soffri e non trovi pace. A te che stai avendo pensieri tristi e malinconici. A te che hai donato un pò del tuo tempo a chi ne ha avuto bisogno e a te che invece di tempo non te ne ha dedicato nessuno. A te che sorridi perchè sai che al mattino trovi qualcuno al tuo fianco e anche a te che al tuo fianco non hai nessuno.(Carla Compierchio)

Scaccia i tuoi pensieri negativi altrimenti ti..


condizioneranno la vita.

Un uomo camminava per un sentiero di campagna, quando sul margine di esso, tra l’erba, scorse qualcosa, forse un sasso, dalla forma strana: “E’ un serpente”, pensò. Il serpente si srotolò, scattò e lo morse a morte.

Un altro pellegrino camminava per quel sentiero, anche lui scorse il sasso dalla forma strana: “E’ un uccello”, pensò. In un frullo d’ali, l’uccello volò via.

Un automobilista restò con una gomma a terra su una strada buia e solitaria. Scese dall’auto, ma si accorse di non avere in macchina il crick. Stava per lasciarsi prendere dalla disperazione, quando vide un lumicino in lontananza: era una casa colonica. Si avviò a piedi in quella direzione, e intanto cominciò a rimuginare: “E se non avessero un crick ?”, “E se magari poi non me lo volessero prestare?”, “E se nessuno venisse ad aprire?”, Ad ogni angosciosa domanda la sua agitazione cresceva, e quando finalmente raggiunse la casa colonica con i suoi pensieri negativi, vide che la luce era spenta, provò e riprovò a suonare ma nessuno venne ad aprirgli.

Ti piaccia o no, sono i tuoi pensieri a tracciare la rotta del viaggio che si chiama vita. Se hai in mente la depressione e il fallimento, è lì che ti troverai. Se pensi di essere goffo e sgradevole, così ti comporterai.

Vergognoso: L'hanno preso in giro per il suo PESO..


VERGOGNA. L'hanno preso in giro per il suo PESO. Chiattò, palla di m..., gli hanno detto, e le eco delle loro voci risuonano nella mia mente come in un cortometraggio dell'orrore. Gli hanno abbassato i pantaloni, l'hanno bloccato, girato, steso per terra, e gli hanno infilato NEL RETTO, facendolo arrivare fino all' INTESTINO, un tubo di aria compressa, forse di quelli che si usano per gonfiare in pochi attimi le gomme delle auto. Hanno azionato l'aria compressa, che in pochi istanti gli ha perforato milza e parte del colon.

In un età in cui sperimenti i primi amori, le delusioni amicali, le prime uscite in motorino, i baci con la lingua e qualche filone, loro hanno sperimentato il MALE, il RISCHIO, la MORTE. Hanno 14 anni, e non mi basta la scusa del "quartiere difficile". E non mi basterà, questa volta, scaricare la colpa sulla città. Qui il fallimento è della SOCIETA', napoletana, campana, emiliana, milanese, nazionale. Ha vinto l'ABBANDONO, ha vinto la pigrizia e l'ignoranza delle Famiglie, che hanno detto troppe volte sì, che hanno preferito lasciar passare, farli uscire, senza controllo, pecché so' guagliun, anna' pazzià. Pazziare, giocare in napoletano. Giocare con la pazzia, arrivare ad intravedere, toccare ed infine OLTREPASSARE la linea del lecito. Non bastava prenderlo in giro nel modo più meschino possibile. Non bastava prenderlo in giro nell'unico modo che non riesce a scatenare, nel 90 % dei casi, una risposta a tono. NO. DOVEVANO punirlo, dovevano pazziare, ovvero giocare con follia. Stamane, dal parrucchiere, una signora mi ha chiesto perché giro per le scuole, perché mi sgolo senza che me ne torni nulla. Lo faccio, e continuerò a farlo finché sarò capace di parlare e camminare, per evitare che altri scarti della società, altri FALLIMENTI italiani come questi, altri futuri adulti inceppati, difettosi, male educati o non educati, agiscano così. A quattordici anni, a 20, a 40...mai più. GRASSO. L'insulto più schifoso che ci possa essere. (Fabiana Sera)

La vera amicizia..


"Il mio amico non è tornato dal campo di battaglia, signore. Le chiedo il permesso per andare a cercarlo"

disse un soldato al suo tenente.

"Permesso negato"

replicò il tenente

"Non voglio che lei rischi la sua vita per un uomo che probabilmente è gia morto".

Il soldato senza prestare attenzione al divieto se ne andò e un'ora dopo ritornò, ferito mortalmente, trasportando il cadavere dell'amico. L'ufficiale era furioso:

"Le avevo detto che ormai era morto! Mi dica se valeva la pena andare fin laggiù per recuperare un cadavere?!".

Il soldato moribondo rispose:

"Certo signore! Quando l'ho trovato era ancora vivo e ha potuto dirmi: ero sicuro che saresti venuto!"

Un amico è colui che arriva sempre, anche quando tutti ti hanno già abbandonato! (Web)

Papa Francesco: «La Chiesa ascolti le angosce di oggi». In 80mila alla..


veglia di preghiera. Il Papa ha invitato la Chiesa ad aprirsi, a saper cogliere i cambiamenti del tempo nella riflessione pronunciata alla veglia di preghiera. «Già il convenire "in unum" attorno al Vescovo di Roma è evento di grazia, nel quale la collegialità episcopale si manifesta in un cammino di discernimento spirituale e pastorale. Per ricercare ciò che oggi il Signore chiede alla Sua Chiesa, dobbiamo prestare orecchio ai battiti di questo tempo e percepire "l'odore" degli uomini d'oggi, fino a restare impregnati delle loro gioie e speranze, delle loro tristezze e angosce: a quel punto sapremo proporre con credibilità la buona notizia sulla famiglia», ha detto il Papa.

Francesco ha fatto appello perché i padri sinodali abbiano «il dono dell'ascolto», non solo «ascolto di Dio» ma anche «ascolto del popolo», e perchè ci sia «la disponibilità a un confronto sincero, aperto e fraterno», che «ci porti a farci carico con responsabilità pastorale degli interrogativi che questo cambiamento d'epoca porta con sè».

Ecco le dieci cattive abitudini.. che fanno bene alla salute..


Se siete tra quelli che promettono continuamente di non fare gli stessi errori ma che ricadono con molta facilità in vecchie e consolidate abitudini, ecco una buona notizia: le cattive abitudini non sono così dannose come si pensa, anzi fanno bene alla salute.

Finalmente un elenco di 10 cattive abitudini tra le più comuni alle quali si può smettere di fare la guerra.

Spettegolare
Un commento sulla nuova storia d’amore di un collega o sul vestito di un’amica. La maggior parte di noi ama spettegolare e la buona notizia è che il gossip fa bene alla salute. Provare curiosità per gli altri aiuta a conoscerli meglio, in più ridere con gli amici (ma non degli amici) allevia lo stress e l'ansia rafforzando l’ottimismo e il buon umore.

Bere caffè
Bere caffè senza esagerare nelle quantità (non più di tre tazze al giorno) accelera il metabolismo, riduce il rischio di calcoli biliari e di calcoli renali. Uno studio della Harvard Medical School ha scoperto che le donne che bevono due o tre tazze di caffè al giorno hanno meno probabilità di essere depresse e di diventare diabetiche.

Essere irrequieti
A scuola è la disperazione di tutti gli insegnanti ma almeno per gli adulti l’irrequietezza non è una cosa negativa. Essere sempre in movimento aiuta a bruciare fino a 350 calorie extra al giorno, mai impigrirsi, dunque, ma al contrario fare tanto esercizio fuori programma, ad esempio alzarsi per cambiare canale invece di usare il telecomando.

Imprecare
Secondo uno studio condotto dalla University of East Anglia imprecare in ufficio aiuta i lavoratori a gestire lo stress. Nell’immediato, secondo i ricercatori della Keele University, allevia la tensione e il dolore. Naturalmente senza esagerare: imprecare tutto il giorno, purtroppo, ne riduce i benefici e può creare qualche serio problema nelle relazioni interpersonali.

Perdere la calma
Molti di noi sono stati educati a non perdere la calma in pubblico. Eppure dare sfogo alle emozioni represse riduce lo stress, uno studio svedese, infatti, ha scoperto che gli uomini che evitano il conflitto davanti alle ingiustizie subite in ufficio raddoppiano il rischio di un attacco cardiaco.

Prendere il sole
Negli ultimi anni la medicina ufficiale consiglia di proteggerci dal sole per evitare pericolose malattie, tuttavia più recentemente gli esperti hanno dichiarato che in realtà l'esposizione moderata al sole è una sana abitudine. Nel Regno Unito, dove la carenza di vitamina D è comune, molti medici consigliano di esporsi 10 minuti al giorno al sole di mezzogiorno al fine di evitare il rachitismo, la vitamina D prodotta dal sole contribuisce anche ad evitare raffreddori e influenza.

Dormire di più
Il sonno può aiutare a vivere più a lungo, aumentare la memoria e ridurre lo stress, dormire poco è causa di incidenti, aumento di peso e del rischio di malattie cardiache. Ritardare quindi l’allenamento mattutino a favore di qualche minuto in più di sonno può avere un effetto benefico per la salute: una ricerca della Brunel University ha scoperto che le sessioni di allenamento pesante la mattina presto, addirittura possono compromettere il sistema immunitario.

Cedere alle tentazioni
Cedere qualche volta al 'cibo spazzatura' non fa male, anzi! Gratifica e aiuta a mantenere il buon umore. Mangiare inoltre cose proibite contribuisce a diminuire l’appetito in generale.

Sognare ad occhi aperti
Molte persone considerano sognare ad occhi aperti come un segno di pigrizia o un sistema per fuggire la realtà. Tuttavia i ricercatori della University of British Columbia hanno scoperto che lasciare la mente libera di sognare può effettivamente contribuire a rafforzare la capacità di problem solving. Lo studio ha rilevato che, quando le menti vagano, le parti del cervello associate a risolvere i problemi diventano più attive rispetto a quando ci si focalizza sulla routine. Così, mentre sognare ad occhi aperti può aumentare il tempo necessario per completare quello che si sta facendo, allo stesso tempo aiuta inconsciamente a mettere ordine in altri importanti problemi della vita.

La Francia dice "No" alla Germania e si rifiuta di adottare nuovi tagli...


all'economia: “Niente compiti, basta austerity”...Parigi è ormai entrata in piena polemica con il regime di austerity imposto dalla Germania e da Bruxelles e mentre dalla Francia arriva un chiaro segnale di insofferenza, la Merkel risponde alimentando il focolaio: ”fate i compiti”.

È guerra aperta Parigi-Berlino. Michel Sapin, ministro delle finanze francesi, ha fatto intendere senza troppi giri di parole che il Governo francese è stufo di ricevere diktat: così come la Francia «si è assunta le proprie responsabilità» per quanto riguarda i conti pubblici, allo stesso modo l’Unione europea «deve a sua volta assumersi le sue responsabilità, in tutte le sue componenti» per far fronte ai problemi riguardanti la scarsa crescita di tutta l’eurozona e la deflazione. Inoltre, il ministro francese ha rilanciato dicendo che “Non chiederemo ulteriori sforzi ai francesi. Perché il governo adotta la serietà di bilancio per rilanciare il Paese, ma rifiuta l’austerità”, ricordando come le stime del rapporto debito pil siano superiori al 3% almeno fino al 2017.

Il tetto imposto da Bruxelles sarà così sforato per altri 3-4 anni con quote che quest’anno arrivano a toccare il 4.4%.Sarebbe come dire noi sforiamo e non seguiamo i vostri diktat e se non vi sta bene la cosa non ci riguarda, un messaggio forte e chiaro che arriva anche alla Merkel ed alla Germania, convinti di voler perseguire l’asuterity ad ogni costo.

La replica da Berlino non si è fatta attendere con le parole della Cancelliera tedesca: “Non siamo ancora al punto in cui si possa dire che la crisi è alle nostre spalle. I Paesi devono fare i loro compiti per il loro benessere” rimarcando come il patto di stabilità e crescita “si chiama così perchè non può esserci crescita sostenibile senza finanze solide”, ma dimenticando una parte molto importante. Che i compitini si chiedono di fare agli studenti, mentre chi vuol fare politica in maniera seria non può dimenticare che ha un popolo alle spalle.

BUONGIORNO MONDO. (Video)


Buonanotte.. dedicata a tutti. (video)


Oggi 4 ottobre si festeggia San Francesco d'Assisi. Egli nacque..


San Francesco d'Assisi nacque ad Assisi nel 1182 ca. e morì nel 1226. Giovanni Francesco Bernardone, figlio di un ricco mercante di stoffe, istruito in latino, in francese, e nella lingua e letteratura provenzale, condusse da giovane una vita spensierata e mondana; partecipò alla guerra tra Assisi e Perugia, e venne tenuto prigioniero per più di un anno, durante il quale patì per una grave malattia che lo avrebbe indotto a mutare radicalmente lo stile di vita: tornato ad Assisi nel 1205, Francesco si dedicò infatti a opere di carità tra i lebbrosi e cominciò a impegnarsi nel restauro di edifici di culto in rovina, dopo aver avuto una visione di san Damiano d'Assisi che gli ordinava di restaurare la chiesa a lui dedicata.

Il padre di Francesco, adirato per i mutamenti nella personalità del figlio e per le sue cospicue offerte, lo diseredò; Francesco si spogliò allora dei suoi ricchi abiti dinanzi al vescovo di Assisi, eletto da Francesco arbitro della loro controversia. Dedicò i tre anni seguenti alla cura dei poveri e dei lebbrosi nei boschi del monte Subasio. Nella cappella di Santa Maria degli Angeli, nel 1208, un giorno, durante la Messa, ricevette l'invito a uscire nel mondo e, secondo il testo del Vangelo di Matteo (10:5-14), a privarsi di tutto per fare del bene ovunque.

Tornato ad Assisi l'anno stesso, Francesco iniziò la sua predicazione, raggruppando intorno a sé dodici seguaci che divennero i primi confratelli del suo ordine (poi denominato primo ordine) ed elessero Francesco loro superiore, scegliendo la loro prima sede nella chiesetta della Porziuncola. Nel 1210 l'ordine venne riconosciuto da papa Innocenzo III; nel 1212 anche Chiara d'Assisi prese l'abito monastico, istituendo il secondo ordine francescano, detto delle clarisse. Intorno al 1212, dopo aver predicato in varie regioni italiane, Francesco partì per la Terra Santa, ma un naufragio lo costrinse a tornare, e altri problemi gli impedirono di diffondere la sua opera missionaria in Spagna, dove intendeva fare proseliti tra i mori.

Nel 1219 si recò in Egitto, dove predicò davanti al sultano, senza però riuscire a convertirlo, poi si recò in Terra Santa, rimanendovi fino al 1220; al suo ritorno, trovò dissenso tra i frati e si dimise dall'incarico di superiore, dedicandosi a quello che sarebbe stato il terzo ordine dei francescani, i terziari. Ritiratosi sul monte della Verna nel settembre 1224, dopo 40 giorni di digiuno e sofferenza affrontati con gioia, ricevette le stigmate, i segni della crocifissione, sul cui aspetto, tuttavia, le fonti non concordano.

Francesco venne portato ad Assisi, dove rimase per anni segnato dalla sofferenza fisica e da una cecità quasi totale, che non indebolì tuttavia quell'amore per Dio e per la creazione espresso nel Cantico di frate Sole, probabilmente composto ad Assisi nel 1225; in esso il Sole e la natura sono lodati come fratelli e sorelle, ed è contenuto l'episodio in cui il santo predica agli uccelli. Francesco, che è patrono d'Italia, venne canonizzato nel 1228 da papa Gregorio IX. Viene sovente rappresentato nell'iconografia tradizionale nell'atto di predicare agli animali o con le stigmate.

Il giusto Giudice.. Bellissima da leggere


Dopo aver vissuto una vita “decente”, il mio tempo sulla terra giunse alla fine. La prima cosa che ricordo è che stavo seduto su una sedia nella sala d’aspetto di ciò che pensai fosse un’aula di tribunale. Le porte si aprirono e mi comandarono di entrare e di prendere posto al tavolo della difesa. Mentre mi guardavo attorno, vidi l’accusatore, era un malvagio dall’aspetto angelico, il quale ringhiava mentre mi fissava. Sinceramente era la persona più malvagia che avessi mai visto. Mi sedetti e guardai alla mia sinistra, lì c’era il mio avvocato, una persona dall’aspetto gentile e amorevole, mi era molto familiare. La porta all’angolo si aprì e apparve il giudice, vestito di una tunica lunga, il quale emanava una meravigliosa presenza, mentre camminava verso il suo posto, tanto che non potevo fare a meno di guardarlo. Quindi disse: “Cominciamo”.

L'accusa
L’accusatore cominciò e disse: “Il mio nome è Satana e sono qui per mostrarvi perché quest’uomo appartiene all’inferno”. Continuò mettendo in luce le bugie che dissi, le cose che rubai e quando nel passato tradii il prossimo e altre terribili perversioni, che sono state parte della mia vita e, più lui parlava più mi sentivo sprofondare giù. Ero così imbarazzato che non riuscivo a guardare nessuno, nemmeno il mio avvocato. Il diavolo parlava di peccati che avevo completamente dimenticato; ero talmente sconvolto all’udire tutte queste cose che Satana stava dicendo, ma lo ero anche perché il mio avvocato stava seduto in silenzio, senza offrire nessuna forma di difesa. Sapevo di essere colpevole di quelle cose, ma avevo fatto anche delle cose buone durante la mia vita, non avrebbero potuto esse alla fine riparare i danni che avevo causato? Satana concluse con forza dicendo: "Quest'uomo merita la morte eterna, egli è colpevole di tutto ciò che ho appena detto e nessuno può provare il contrario!". Quando fu il suo turno, il mio avvocato prima di tutto chiese se si poteva avvicinare al giudice e gli fu concesso, nonostante la forte obiezione di Satana, ma il giudice gli disse di farsi avanti. Quando si alzò e cominciò a camminare, sono stato in grado di vederlo nel suo pieno splendore e maestà.Capii perché mi sembrava così familiare. Gesù era il mio Avvocato, il mio Signore, il mio Salvatore.

La difesa
Egli si fermò davanti al giudice e dolcemente gli disse: "Ciao Padre!". Quindi si rivolse alla corte: "Satana ha detto bene dicendo che quest'uomo ha peccato, non negherò nulla di ciò che ha detto, ed è vero che la pena per il peccato è la morte e quest'uomo merita di essere punito". Gesù fece un profondo respiro e si rivolse al Padre suo con le braccia aperte dicendo: "In ogni modo sono morto sulla croce così che questa persona potesse ottenere la vita eterna e lui mi accettò come suo Salvatore, così che lui è mio!". Il mio Signore continuò dicendo: "Il suo nome è scritto nel libro della vita e nessuno può strapparmelo. Satana ancora non l'ha capito del tutto". "Quest'uomo non deve essere consegnato alla giustizia ma alla misericordia". Quindi Gesù riprese il suo posto e tranquillamente fece una pausa guardando suo Padre, poi continuò: "Non c'è altro che è necessario fare. Ho già fatto ogni cosa".

La sentenza
Il Giudice alzò le Sue potenti mani e diede la sentenza. Le seguenti parole uscirono dalle Sue labbra: "Quest'uomo è libero. La pena per lui è stata pagata in pieno, il caso è chiuso!". Mentre il mio Signore mi guidava fuori, potei sentire Satana infuriato gridare: "Non mi scoraggio, vincerò sul prossimo!". Quindi rivolgendomi a Gesù con gratitudine gli chiesi: "Hai mai perso una causa?". Cristo mi sorrise amorevolmente e mi rispose: "Tutti coloro che vengono a me e mi chiedono di rappresentarli, ricevono lo stesso verdetto: "Pagato in pieno".

La vera bellezza..


C’è una bellezza del corpo e c’è una bellezza dell’Anima. La bellezza del corpo è ordinaria e transitoria: oggi c’è, domani forse no. E la bellezza del corpo è più negli occhi di chi guarda che nell’oggetto in sè: la stessa persona può apparire bella a qualcuno e brutta a qualcun altro. Ma la bellezza dell’Anima è qualcosa d’interiore, non è negli occhi dell’osservatore, perchè non può essere vista, può solo essere sentita. Non è una bellezza che può essere distrutta, nemmeno la morte può toccarla, è eterna. (Osho)

2 ottobre festa dei nonni, un giorno per dire “grazie” a tutti i..


nonni-angeli custodi dell’infanzia.

Oggi, 2 ottobre, si celebra la Festa dei nonni, ricorrenza civile introdotta in Italia con la Legge 159 del 31 luglio 2005, quale momento per celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società. Non a caso il 2 ottobre è il giorno in cui la chiesa cattolica celebra gli Angeli custodi. Una giornata, quindi, che vuol essere un’occasione d’incontro, e una possibilità in più per dire GRAZIE a chi ci ha cresciuto e dedicato il proprio tempo. Una giornata dedicata a tutti i nonni-angeli custodi dell’infanzia.

La Festività fu introdotta negli Stati Uniti nel 1978, durante la presidenza di Jimmy Carter, su proposta di Marian McQuade, casalinga del West Virginia, madre di quindici figli e nonna di quaranta nipoti. Impegnata sin dal 1956 in attività che la portarono a stretto contatto con gli anziani, la McQuade iniziò a promuovere l’iniziativa nei primi anni ’70, spinta da una sempre maggior convinzione del ruolo fondamentale svolto dalla relazione con i nonni, portatori di conoscenza ed esperienza, nell’educazione delle giovani generazioni. Negli Stati Uniti la festa nazionale dei nonni (National Grandparents Day) viene così celebrata ogni anno la prima domenica di settembre, dopo il Labor Day. Nel Regno Unito, introdotta nel 1990, dal 2008 viene celebrata la prima domenica di ottobre; in Canada, dal 1995, ogni 25 ottobre, mentre in Francia, i nonni e le nonne sono festeggiati ogni anno separatamente: la Festa della Nonna la prima domenica di marzo e quella del Nonno la prima di ottobre.

Nonni angeli custodi dunque, tanto più in tempo di crisi, quando, oltre a vegliare amorevolmente sui nipoti, contribuiscono attivamente all’intera economia famigliare. In Italia sono oltre 12 milioni i nonni over 65, circa il 20% della popolazione e contribuiscono ogni anno con circa 4 miliardi di euro dalle loro pensioni per sostenere figli e nipoti. Come sottolineato poi dal Segretario generale delle Nazioni Unite in occasione dell’International Day of Older Persons, celebrato ieri, “nei paesi sviluppati, entro il 2050 gli anziani saranno il doppio dei bambini, mentre nelle nazioni in via di sviluppo si prevede che il loro numero arriverà a raddoppiare”. Proprio per questo il tema designato per la Giornata Internazonale delle persone anziane 2014 è stato: “Non lasciare indietro nessuno: promuovere una società per tutti”. Un tema che vuol richiamando l’attenzione sui diversi modi di affrontare la questione dell’invecchiamento e la cruciale questione dell’inclusione degli anziani nella società.

Proprio per favorire l’incontro numerose sono le iniziative che si terranno oggi in tutta Italia a sostegno della relazione nonni-nipoti e dell’integrazione degli anziani all’interno delle famiglie. Una presenza quanto mai fondamentale, non solo per l’enorme bagaglio di esperienza di cui i nonni sono depositari, o il particolare legame affettivo che li lega ai nipoti, ma anche come fondamentale punto di riferimento in una società in cui la solidità famigliare risulta sempre più fragile. I nonni divengono figure quanto mai indispensabili nella vita di un bambino, nella sua crescita, educazione, formazione.

In occasione del 2 ottobre, quasi ogni città italiana organizza quindi eventi e manifestazioni mirati a valorizzare il ruolo dei nonni e per loro è stato anche istituito un premio speciale, consegnato ogni anno al nonno e alla nonna d’Italia dal presidente della Repubblica. Tra le tante iniziative, la città di Milano propone la visita-racconto della mostra che Palazzo reale dedica a Chagall: per i nonni e i loro nipotini (di età compresa tra i 6 e i 10 anni), su prenotazione, una visita speciale in cui si scoprirà il bambino Marc e il pittore che poi diventò attraverso le “parole dei nonni di Chagall”; a seguire, dalle 17.30 alle 19, presso le gallerie d’Italia di Piazza della Scala, un evento speciale tutto dedicato ai i nonni. A Udine si terrà una serata di grande spettacolo al Palamostre di piazzale Diacono, con lo spettacolo del gruppo teatrale “Buine Blave di Mortean”, l’intermezzo musicale del cantautore Dario Zampa e il gran finale con il bravissimo prestigiatore Lucien. A Roma, presso il Palalottomatica Eur, la terza edizione della festa dei nonni, istituita nel 2005 dal Parlamento per valorizzare la terza età. Festa grande, infine, anche a Palermo, nel Parco di Villa Trabia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...